Migliorare le pari opportunità e la partecipazione nella formazione grazie alla digitalizzazione

12.12.2017
Contributo di Beat Zemp
Pubblicato sotto:   competenze digitali, formazione, pari opportunità

«Le tecnologie digitali possono fornire un supporto per i processi di apprendimento personalizzati e contribuire così alle pari opportunità. Grazie alla loro adattabilità, le nuove tecnologie dell'apprendimento si adeguano ai differenti bisogni individuali.  

I media digitali offrono nuove possibilità per la partecipazione attiva delle persone in formazione. Occorre però garantire che la digitalizzazione non discrimini le famiglie e le scuole meno abbienti, generando costi a carico dei genitori.  

Per poter sfruttare le tecnologie digitali in modo proficuo è necessario garantire la formazione e la formazione continua del personale insegnante, adeguare i piani di studi, offrire supporto tecnico, sviluppare materiale didattico e rafforzare la collaborazione con i genitori. L'obiettivo è sfruttare le tecnologie digitali per garantire le pari opportunità e preparare le persone in formazione a diventare dei cittadini competenti nel mondo digitale, fornendo loro i giusti strumenti per confrontarsi con la società del futuro.»

Zemp
Beat Zemp
Direttore LCH