Le città, i Comuni e le regioni della Svizzera si distinguono per le loro elevate capacità innovative

Sia le città e le regioni centrali sia le regioni rurali e di montagna colgono l'occasione offerta loro dalla digitalizzazione per rafforzare la propria economia attraverso una migliore rete di relazioni tra gli attori e chi è in possesso delle conoscenze. In tale contesto svolgono un ruolo ad esempio i nuovi canali di distribuzione e le nuove cooperazioni, la crescente flessibilità del mercato del lavoro e le forme di lavoro innovative che ne sono sorte o anche l'utilizzo dei dati.
Nell'ambito della promozione economica locale (politica in ambito turistico, regionale e delle PMI, nonché promozione delle esportazioni e dell'economia locale) vanno sfruttate maggiormente le opportunità che la digitalizzazione offre per migliorare le condizioni quadro per le PMI, aumentare la capacità di produzione degli attori economici e la concorrenzialità delle regioni, come pure per delineare in modo più marcato la piazza economica svizzera all'estero.
La Confederazione sostiene i Cantoni, le città e i Comuni con gli strumenti esistenti per l'attuazione di iniziative smart city, smart village o smart region e promuove in particolare lo scambio di esperienze e il trasferimento del sapere alle città o alle regioni e fra di esse. La Confederazione accresce la visibilità nazionale e internazionale delle attività dei Cantoni, delle città e dei Comuni e promuove la presa di coscienza dei problemi e il consenso nei confronti delle iniziative. Per aumentare l'efficacia del suo sostegno, la Confederazione coordina le sue attività in questo ambito.
L'utilizzo dei geodati assume una particolare rilevanza. Tale flusso di dati diventa sempre più consistente. Sempre di più in tempo reale, i geodati acquisiscono una rilevanza crescente nella moderna pianificazione del territorio. Si tratta di disporre a tutti i livelli governativi di veri e propri dati «intelligenti» al servizio delle smart city, smart village o smart region/ Tutti i livelli governativi dovranno poter disporre di veri e propri dati «intelligenti» al servizio di smart city, smart village o smart region.